Categorie

La mia società si occupa tra le altre cose di verifiche di manutenzione (Norma CEI 64-8 cap. 62). Il quesito che vorrei sottoporvi riguarda la prova dei differenziali di tipo B. Iniziano a diffondersi soprattutto per applicazioni particolari come ad esempio la protezione delle colonnine di ricarica dei veicoli...

Leggi tutto

Mi è capitato di confrontarmi con diversi professionisti che sostengono che in un impianto elettrico privo di impianto di terra, anche in ambito residenziale, è possibile “adeguare”, “sanare” installando un interruttore differenziale da 30 mA, in quanto tale opzione è prevista dal 37/08. Io non sono assolutamente d’accordo e...

Leggi tutto

In fase di verifica collaudo degli impianti elettrici, quale è il tempo di intervento corretto che deve emergere quando si provano differenziali a protezione dei circuiti terminali con una corrente di intervento > di quella nominale? Luca Ai sensi dell’art. 61.3.6 “Protezione mediante interruzione automatica dell’alimentazione” della Norma CEI...

Leggi tutto

In un impianto TT immediatamente a valle del contatore ENEL, ad una distanza di 4 metri, ho un quadro metallico con 2 interruttori magnetotermici differenziali “generali” di due sezioni diverse. Il collegamento a tali interruttori generali è realizzato con cavo a doppio isolamento, FG7, (in pratica il cavo di...

Leggi tutto

Su un impianto 230V fase fase il progettista ci fa installare sui circuiti dei quadri interruttori magneti termici 1P + N con blocco differenziale in classe A tipo Si che secondo lui (e noi) garantisce la protezione anche se il circuito è sprovvisto di Neutro di eventuali guasti verso...

Leggi tutto