Categorie

QUESITO TECNICO
Dichiarazione di conformità per lavori non conclusi

A seguito di rescissione del contratto, per ristrutturazione di un appartamento di 56 mq, con l’appaltatore per inadempienza contrattuale, gli impianti (gas + elettrico) non sono stati terminati: x l’impianto idraulico in realtà tutte le tubazioni sono state interrate e murate e in teoria si dovrebbe installare i sanitari, cucina a gas, scaldabagno e (una volta riposizionati) i termosifoni (con riscaldamento centralizzato).
Per l’elettrico alcuni cavi sono esposti (luci principali ancora da posizionare, condizionatori, centrale, ecc.) ed altre cassettine con coperchi di plastica. A breve un’altra impresa vorrebbe iniziare ma mi chiede la certificazione di detti impianti. Posso obbligare i precedenti artigiani a rilasciare una qualche “dichiarazione” di quanto finora eseguito? e se non posso e loro si rifiutano devo tirare su il massetto e sfilare i fili per rifare tutto?

anonimo

Al caso di specie è applicabile l’art. 7 comma 3 del decreto 37/08 che recita:

“In caso di rifacimento parziale di impianti, il progetto, la dichiarazione di conformità’, e l’attestazione di collaudo ove previsto, si riferiscono alla sola parte degli impianti oggetto dell’opera di rifacimento, ma tengono conto della sicurezza e funzionalità dell’intero impianto. Nella dichiarazione di cui al comma 1 e nel progetto di cui all’articolo 5, è espressamente indicata la compatibilità tecnica con le condizioni preesistenti dell’impianto.”

Valutato, da quanto descritto, che le opere realizzate possono considerarsi una parte di impianto vera e propria è possibile richiedere all’impresa esecutrice la Dichiarazione di conformità per la parte di impianti realizzata.

Comments ( 3 )

  • Roberto Giannelli

    Buonasera, quanto asserito non corrisponde al vero. L’art. 7 comma 3 si riferisce ad impianti “esistenti”, in realtà il passaggio delle tubazioni, dei cavi ed i collegamenti sono stati realizzati dopo i permessi di ristrutturazione, quindi necessitano di dichiarazione di conformità della ditta che li ha eseguiti. Se quanto affermato fosse corretto, chiunque potrebbe fare il 90% del lavoro abusivamente e poi far terminare il lavoro a ditta abilitata che rilascia dichiarazione di conformità.

  • Buonasera,
    il sig Giannelli ha ragione, è il problema che abbiamo anche sulle motorizzazioni dei cancelli automatici, dove aggiungi dei dispositivi antinfortunistici e ti devi prendere tutta la responsabilità sulla “macchina”. anche sulla costruzione del manufatto……

  • Paolo

    Materia interessante.
    Ho capito, per l’impianto elettrico la ditta subentrante può accertare la corretta esecuzione e farsi carico del realizzato, ma nel caso specifico del Gas in questo caso che si fa? Si posano tubazioni nuove?

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.