Categorie

QUESITO TECNICO
Impianti fase-fase 220 V: quali regole per la progettazione?

~DMi trovo di fronte ad un impianto elettrico di un centro commerciale di Roma dove l’alimentazione trifase è distribuita senza neutro, praticamente 127 V di tensione di linea e 220 V di tensione concatenata. Ora i costruttori delle apparecchiature elettriche trifasi hanno garantito che possono essere alimentate a 220V trifase, ma come alimentare i carichi monofase a 220V ?
Come va progettato un impianto del genere anche in relazione alla protezione dei contatti indiretti?

L’utente ha richiesto di rimanere anonimo

~RI carichi monofase vanno alimentati fase-fase a 220 V. Le regole per la protezione contro i contatti indiretti non differiscono dal caso di impianti con il neutro distribuito. Per quanto riguarda il colore dei conduttori, nella Guida CEI 64-14Guida alle verifiche degli impianti elettrici utilizzatori” si legge:

Art 7.2 Esame a vista
– per utilizzazioni limitate nel tempo, come ad esempio in impianti con tensione nominale 220/127 V per i quali è prevista una futura trasformazione a 400/230 V, il colore blu può essere utilizzato per un conduttore di fase destinato a diventare conduttore di neutro;

 

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.