Categorie

QUESITO TECNICO
Definizione di “Servizi ausiliari di centrale fotovoltaica”

~DSalve, sono un Vs. iscritto, ho necessità di rintracciare la definizione ufficiale di UNIPEDE che ha recentemente integrato la tipologia dei Servizi Ausiliari di centrale (specie per quelle fotovoltaiche) per poi vedere anche se la locale Agenzia delle Dogane riconosce tali utilizzi compresi nei SERVIZI AUSILIARI di CENTRALE FOTOVOLTAICA ecc, in modo di poter poi far accedere ai miei clienti alla tariffa agevolata dei SERVIZI DI RETE per i prelievi su forniture che assorbono solo i consumi per alimentazione dei SERVIZI AUSILIARI di centrale (fotovoltaica ecc) di cui all’art. 19 della Delibera AEEGSI n° 199/11 (TIT Testo Integrato di Trasmissione).

Infatti recentemente L’Autorità per l’Energia ha chiarito che, ai soli fini dell’applicazione della disposizione di cui all’art. 19 della delibera AEEGSI n°199/11, per l’identificazione dei Servizi Ausiliari è possibile fare riferimento alla definizione di UNIPEDE (Unione Internazionale dei produttori e distributori di energia elettrica, oggi Eurelectric), utilizzata anche da Terna S.p.A. per la raccolta dei dati statistici del settore elettrico;
Da non molto Unipede, ha quindi integrato la lista dei carichi che possono essere ricompresi quali servizi ausiliari di centrale, e fra questi ha ricompreso condizionatori, luci esterne, sistemi di videosorveglianza ecc, si prega di confermare se è corretta tale affermazione che ho trovato su alcune pagine web ecc.
Questo consentirebbe di collegare tali servizi ausiliari direttamente sul lato BT della fornitura in Media Tensione di CESSIONE TOTALE dell’energia e prelievo dell’energia degli attuali servizi ausiliari (autoconsumo trasformatore e servizi aux “strettamente” connessi all’impianto fotovoltaico), mentre oggi sono alimentati da una fornitura a parte ENEL BT (ALTRI USI) di circa 6 : 10kW, che verrebbe cessata con evidente riduzione dei costi, imposta a suo tempo (nel 2010:2011 all’atto dell’attivazione dell’impianto FV) dall’Agenzia delle Dogane (in quanto i servizi di videosorveglianza condizionamento cabina, illuminazione sterna ecc) non erano ritenuti dalla stessa “SERVIZI AUSILIARI di CENTRALE” e di poter ottenere comunque anche con questi nuovi carichi dal Distributore l’esenzione dei pagamenti degli oneri di rete per mezzo di una perizia asseverata da parte del professionista come previsto dall’art. 19 della Delibera AEEGSI n° 199/11.
Fino ad ora non era chiaro quali e quanti tra i Servizi Ausiliari che caratterizzano un impianto fotovoltaico potessero essere ricompresi all’interno della definizione di cui all’Art. 19 della delibera di cui sopra.

Chiedo pertanto di sapere se avete la copia della definizione ufficiale di UNIPEDE e di potermela inviare (su INTERNET non sono riuscito a trovarla ecc).

Claudio Pergolesi via form

~RPuò trovare risposta nei seguenti documenti emessi dalla AEEG:
Delibera 047-13 R EFR del 7 febbraio 2013
TUP Testo Unico Ricognitivo della produzione elettrica Agg. 5 agosto 2016
Capitolo 4 – Trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica pag. 109, dove alla nota 40 del Par 4.5 Regolazione del trasporto dell’energia elettrica prelevata e destinata all’alimentazione dei servizi ausiliari e all’alimentazione esclusiva dei servizi ausiliari e dei sistemi di accumulo pag. 110è riportata la definizione da Lei richiesta:

“Ai soli fini dell’applicazione delle disposizioni previste dal TIT in merito all’energia elettrica prelevata per alimentare i servizi ausiliari di generazione, per l’identificazione di “servizi ausiliari di generazione” è possibile fare riferimento alla definizione dell’UNIPEDE – Unione Internazionale dei Produttori e Distributori di Energia Elettrica (ora Eurelectric), utilizzata anche da Terna per la raccolta dei dati statistici del settore elettrico.
In particolare, “potenza elettrica assorbita dai servizi ausiliari è la potenza elettrica consumata dai servizi ausiliari della centrale direttamente connessi con la produzione di energia elettrica e comprende quella utilizzata – sia durante l’esercizio che durante la fermata della centrale – per gli impianti di movimentazione del combustibile, per l’impianto dell’acqua di raffreddamento, per i servizi di centrale, il riscaldamento, l’illuminazione, per le officine e gli uffici direttamente connessi con l’esercizio della centrale”.
Dalla definizione di “centrale” data dall’UNIPEDE, consegue che, nel caso di impianti idroelettrici, rientrano tra i prelievi di energia elettrica destinata ai servizi ausiliari anche i prelievi per il funzionamento degli organi relativi alla parte idraulica (es.: diga, sgrigliatori, paratoie, etc.).
Non rientrano tra i prelievi di energia elettrica destinata ai servizi ausiliari i prelievi durante i periodi di trasformazione, riconversione e rifacimento dei gruppi di generazione. Rientrano infine in tale ambito i consumi delle utenze installate per il rispetto degli obblighi derivanti da decreti di autorizzazione all’esercizio (es. rilevazione emissioni in atmosfera, monitoraggio qualità aria, tutela ambientale, etc.), che possono essere anche collocate al di fuori del perimetro dell’impianto di produzione.”

Le definizioni di servizi ausiliari o servizi ancillari sono anche desumibili dal:

– sito AEEG alla sezione Glossario ( LINK );
– dal sito: Eurelectric.org alla sezione Terminology ( LINK );

Ancillary services
All services procured by the transmission or distribution system operator from system users to enable them to maintain the integrity and stability of the transmission and distribution system as well as power quality (to be able to provide system services – see definition). They include i.e. frequency control, voltage control, blackstart capability, grid loss compensation (EURELECTRIC report ‘Ancillary services’, 2004)

System Services
System services are services provided by network operators to users connected to the system in order to ensure required power quality and the stability of the distribution grid. See ancillary services above (EURELECTRIC report ‘Ancillary services’, 2004)

Comments ( 1 )

  • Filippo Manzetto

    Buonasera, sto eseguendo una domanda di connessione per un impianto da 1 mw a terra con speranza di accesso al FER. essendo in mezzo “al nulla” ovviamente vorremmo per tutti i consumi andare in “autoconsumo” e far rientrare negli ausiliari luci, videosorveglianza, allarmi, illuminazione di cabina e esterna.. ecc ecc, per evitare di richiedere una fornitura BT di 6 kw apposta.
    Da quando scritto sopra sembrerebbero rientrare, e anche il TUP nella versione del 05/09/2019 riporta quanto da voi scritto, nella nota 39 del capitolo 4.5 come da voi indicato.
    Secondo me però un impianto incentivato con il fer rientra nell’articolo 8.1.6 del TUP che dice alla fine che anche per gli impianti di cui al decreto 4 luglio 2019 (FER) vale la delibera 47/2013.
    MA… la delibera nelle premesse e all’art. 2 comma 2.3 dice che
    “Non costituiscono parte dei consumi dei servizi ausiliari i consumi di energia elettrica:
    – per i servizi di illuminazione, di climatizzazione e di ventilazione di edifici o
    parti di impianto destinati ad uffici o comunque frequentati abitualmente dal
    personale;
    io interpreto che, nel mio caso, in cui nel campo ci sarà solo la cabina bt/mt con dentro trasformatori ed inverter, con le loro luci ed eventuali condizionatori/ventole, al servizio degli inverter (e non di persone), tvcc, illuminazioni esterne, monitoraggio… rientra tutto a servizio della centrale e quindi incluso, cosa ne pensate?

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.