Categorie

APER: 10 idee e 26 azioni per la promozione delle fonti rinnovabili

E’ al vaglio dei principali partiti, che si presenteranno alle elezioni del 24-25 febbraio, il documento elaborato da APER, contenente 26 azioni prioritarie per lo sviluppo del settore dell’energia elettrica da fonti rinnovabili in Italia nei prossimi anni.

In un momento in cui la green economy sembra essere un “accessorio” nei programmi della maggior parte delle diverse forze politiche, il documento, articolato in 10 schede, presenta in maniera chiara e concreta le 26 azioni che il prossimo Governo dovrebbe intraprendere, nei primi 12 mesi, affinché il settore elettrico della Green Economy possa svilupparsi, creare occupazione e raggiungere gli obiettivi stabiliti sia nel recente documento di Strategia Energetica Nazionale (SEN), sia dall’Energy Roadmap dell’Unione Europea.

Data l’importanza di queste azioni per lo sviluppo delle rinnovabili in Italia, APER ha chiesto una piena condivisione del documento alle forze politiche, con una sottoscrizione dello stesso entro il 7 febbraio 2013.

I diversi partiti avranno anche la possibilità di condividere solo parzialmente il documento, spiegandone le ragioni.

Ecco le 26 azioni:

1. Assumere un ruolo di leadership nella redazione del nuovo Pacchetto Clima-Energia, individuando, per ognuno dei settori coinvolti, i seguenti obiettivi vincolanti al 2030:
• 35% di energia da fonti rinnovabili e, per il segmento delle rinnovabili elettriche, il 50% sul totale dei consumi;
• +35% efficienza energetica;
• -35% emissioni di gas climalteranti.
2. Confermare l’obiettivo del 38% per le rinnovabili elettriche sui consumi finali al 2020.
3. Predisporre una nuova disciplina normativa che consenta realmente di raggiungere l’obiettivo del 38%.
4. Sostenere lo sviluppo della filiera del biometano predisponendo una specifica disciplina normativa.
5. Varare una politica industriale che, coinvolgendo anche il sistema creditizio, privilegi e sostenga la filiera delle rinnovabili quale strumento concreto di rilancio della manifattura italiana e l’esportazione dei suoi prodotti.
6. Incrementare gli investimenti pubblici nella ricerca e nello sviluppo sperimentale, anche per il tramite delle migliori Università.
7. Promuovere gli investimenti nella ricerca e nello sviluppo sperimentale da parte di aziende private con strumenti di sostegno adeguati.
8. Costituire una cabina di regia nazionale che tracci gli indirizzi di sviluppo nella ricerca del settore della green economy, favorendo le eccellenze pubbliche e private.
9. Incentivare una collaborazione con le istituzioni comunitarie e nazionali coinvolte nell’adozione di bandi finalizzati al finanziamento di progetti innovativi e di sviluppo delle fonti rinnovabili.
10. Sostenere il processo di internazionalizzazione della filiera rinnovabili.
11. Costruire un nuovo sistema per la promozione delle imprese italiane all’estero.
12. Rivedere i meccanismi di sostegno della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili, basandoli su modelli di accesso diretto e certo, eventualmente con tariffe differenziate per fonte soggette a riduzioni automatiche progressive all’aumentare della potenza nazionale installata.
13. Riallocare, per le future aste/registri, i contingenti non richiesti (eolico off-shore, grande idro) verso le tecnologie con maggior disponibilità di progetti (eolico onshore e piccolo idro).
14. Prevedere regole chiare e durature e favorire l’adozione di norme regionali omogenee.
15. Semplifi care e accelerare i procedimenti autorizzativi.
16. Ampliare l’uso di strumenti quali il silenzio-assenso.
17. Prevedere poteri sostitutivi e sanzionatori nei confronti delle amministrazioni territoriali, attribuiti a un organo centrale.
18. Rendere trasparente e “meno pesante” la bolletta elettrica, razionalizzando le voci e imputando a carico della fi scalità generale quelle non inerenti il mercato dell’energia e il sostegno alle rinnovabili.
19. Adeguare gli attuali meccanismi di sostegno per raggiungere gli obiettivi europei al 2030 e favorire la transizione post-incentivi.
20. Estendere l’applicabilità del meccanismo di scambio sul posto agli impianti di potenza fi no a 5 MW.
21. Sollecitare l’AEEG affi nché adotti, seppur con oltre 4 anni di ritardo, la regolamentazione dei Sistemi Effi cienti di Utenza.
22. Introdurre contratti bilaterali di lungo periodo.
23. Integrare le fonti rinnovabili nel mercato.
24. Introdurre forme di agevolazione fi scale (IVA agevolata, detrazioni IRPEF ecc.) per l’acquisto di auto elettriche, pompe di calore, cucine a induzione.
25. Rivedere la struttura di prezzo dell’energia elettrica (che risale al post guerra del Kippur del 1973) attribuendo a più elevati consumi domestici una riduzione del prezzo unitario pagato, così come già previsto per i consumi industriali e in tutti i principali paesi comunitari.
26. Favorire gli investimenti che portano ad un risparmio energetico. Nel caso della Pubblica Amministrazione prevedere un plafond d’investimento in deroga al Patto di Stabilità per gli interventi con payback breve (entro 5 anni).

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.