Categorie

Fotovoltaico: Italia prima con grid parity

Secondo recenti studi, l’Italia e’ sulla buona strada per diventare il primo paese dell’Unione europea in cui l’ elettricita’ generata dall’energia fotovoltaica e quella convenzionale avranno lo stesso costo di accesso alla rete elettrica.
Cio’ e’ dovuto al fatto che i fornitori italiani di energia solare beneficiano di prezzi dell’elettricita’ comparativamente alti. Se, come ci si attente, i prezzi cresceranno ad una media del 6% l’anno, gli impianti italiani indipendenti potrebbero raggiungere la grid parity nel 2011.
Diversa e’ la prospettiva se si considerano gli impianti fotovoltaici su larga scala.
In questo particolare settore sara’ la Germania la prima a veder allineati nel 2012 i prezzi di elettricita’ fotovoltaica e di quella classica.
Gli impianti su larga scala hanno il vantaggio di costi di investimento proporzionalmente piu’ bassi e sono in grado di fornire elettrricita’ a prezzi inferiori rispetto ai piccoli fornitori.
In contrasto con queste prospettive, un importante compagnia di ricerca di mercato, la Greentech Media, fa previsioni meno ottimistiche per le intallazioni tedesche fotovoltaiche di piccola dimensione, montate sui tetti degli immobili.
Per queste ultime la grid parity non potra’ essere raggiunta che nel 2013, 2014. Previsioni, queste, basate sul fatto che i prezzi dell’energia fornita alla rete a causa dell’inflazione crescano in media del 6% l’anno.
Il fatto che le tariffe di vendita alla rete dell’energia fotovoltaica (feed in) siano state ridotte sta anche generando un maggior stimolo per lo sviluppo.
Cio’ significa che sale la pressione sul mercato tedesco per produrre energia solare in modo efficiente usando tecnologie di punta, e che l’industria sta lavorando a pieno ritmo per creare concetti produttivi anche migliori.
Una struttura di mercato del tutto differente fa invece si’ che sia ancora lunga la strada per raggiungere la grid parity in Francia. In quel paese il basso costo dell’eletricita’ fornita alla griglia, con sussidi statali che assicurano prezzi di elettricita’ standard molto bassi, limitano lo sviluppo del fotovoltaico. Inoltre le tariffe feed in di acquisto dell’energia forotovoltaica non sono studiate per diminuire nei prossimi anni, ma solo per essere aggiornate con il tasso di inflazione. Fattori che mettono meno sotto pressione i fornitori francesi di energia solare per ridurre i costi di produzione rispetto alla controparte tedesca.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.