Categorie

QUESITO TECNICO
Denuncia e verifiche periodiche di un edificio scolastico

~DNella verifica della documentazione di una piccola scuola elementare è risultato che la struttura non è mai stata denunciata ai sensi del 462 e non sono mai state richieste verifiche.
Ora è stato dato incarico ad una Ditta Installatrice di effettuare lavori di manutenzione per sistemare un po di carenze (es. lampade di emergenza ecc), alla fine dei lavori rilascerà dichiarazione di conformità, per le verifiche come occorre procedere? Si fa la denuncia tardiva e si chiedono immediatamente le verifiche? qual’è la cadenza? biennale o quinquennale? (la scuola è sotto le 100 persone non soggetta a prevenzione incendi).

Enrico Chionetti

~RDenuncia tardiva al SUAP e richiesta di verifica al più presto. La periodicità della verifica dipende dalla valutazione del rischio elettrico, se l’ambiente è ordinario la verifica è quinquennale, se non lo è la verifica è quinquennale.

Comments ( 2 )

  • Franco Di Stefano

    Refuso: “se non lo è la verifica è biennale”.
    A mio giudizio, trattandosi di una scuola e, quindi, soggetta a controllo dei VV.F. trattasi di un luogo M.A.R.C.I.O.
    Ne consegue che la verifica è biennale.
    Cordialmente
    Franco Di Stefano

  • derio turcato

    La risposta non è completa.
    L’installatore emette DICO solo per manutenzione straordinaria e non per ordinaria manutenzione. Nel primo caso la dich. di conformità è anche omologazione dell’impianto di terra e quindi la verifica secondo DPR 462/01 va fatta dopo 5 o 2 anni a seconda se l’attività è classificata ordinaria o a maggior rischio da un professionista che deve fornire il progetto (senza progetto la DICO è un falso) perché sicuramente l’attività supera i limiti della vecchia legge 46/90 o del DPR 37/08 (potenza installata o superficie).
    Rammento che alla compilazione della DICO, sia per la 46/90 che per la 37/08, si dichiara di aver controllato l’impianto …… e di aver eseguito le verifiche richieste dalle norme e dalle disposizioni di legge; quindi la misura di terra è in capo all’installatore o tuttalpiù al progettista e ne deve essere fornita documentazione al committente.
    P.S. la denuncia di terra all’ARPA e INAIL va fatta obbligatoriamente alla fine dei lavori allegando la DICO di cui sopra con i dati del progettista.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.