Categorie

2008 positivo per il settore sicurezza

Con un fatturato complessivo di 2,4 miliardi di euro nel 2008, il settore “Sicurezza” ha fatto registrare un incremento complessivo della produzione del +4,9% e un + 27% sulla quota export rispetto all’anno precedente.
Nel 2009 si stima che la produzione complessiva possa mantenersi sopra 2,3 miliardi di euro con una previsione di -3,8%
sul fatturato e una sostanziale tenuta dell’export (-0,6%).
Le previsioni negative, se confermate per il solo 2009, non compromettono comunque il trend positivo del settore. Secondo queste stime nel quadriennio 2006-2009 il comparto vedrebbe crescere il fatturato complessivo del 9,1% e la quota export addirittura del +53,6%.
Rientrano nel settore “Sicurezza” i comparti dei materiali antincendio, dei dispositivi per la protezione individuale sul lavoro, e degli impianti e apparecchiature di insonorizzazione.
Questi tre settori, tradizionalmente caratterizzati da una quota export contenuta, stanno registrando una progressiva apertura verso i mercati esteri.
«Il settore dei materiali antincendio – afferma Ignazio Chevallard, Presidente di Uman la principale Associazione di costruttori del settore – mostra una crescita nella produzione pari al +9,9% nel 2008 che però non riusciremo a mantenere nel 2009 anno per il quale stimiamo un flessione del -8,1%.”.
Le esportazioni 2008 restano sostanzialmente ai livelli dell’anno precedente.
Il livello occupazionale dà segnali positivi con un +5,3% nel 2008, ma si prevede una pari flessione nel corso dell’anno a venire (-5%).
Gli investimenti, soprattutto pubblici, si sono invece bruscamente fermati nel 2008 e si ipotizza addirittura una riduzione di –3,8% nel 2009.»
«Per quel che riguarda il settore dei dispositivi di protezione individuale sul lavoro (DPI) è stato registrato un incremento della produzione del +6,2% nel 2008 con crescita zero nel 2009. – afferma Francesco Giberti, Presidente di Assosic – L’export quest’anno ha registrato un balzo del +39% che per il 2009 prevede una brusca frenata addirittura a crescita zero. Nel 2008 gli investimenti e gli occupati hanno avuto una crescita significativa, rispettivamente del +7,7% e del +10%, ma le prospettive 2009 si limitano al consolidamento della crescita di questi ultimi anni.»
«Il comparto impianti di insonorizzazione conferma le previsioni di luglio per il 2008 e si può prevedere una sostanziale tenuta dei livelli di produzione raggiunti per l’anno in corso anche nel corso del 2009. – sostiene Franco Lerda, Presidente Ciadi – Crescita piatta dunque, ma a livelli di produzione equivalenti a oltre +11%. rispetto al 2006, per un comparto tradizionalmente stabile come questo, rappresenta una performance considerevole in un clima di crisi diffusa come quello attuale. Anche le esportazioni sono in netta espansione con un +45,3% sempre nei confronti di tre anni fa. L’occupazione si mantiene stabile, mentre gli investimenti nel 2009 subiranno una contrazione di circa il –18,9%.»
La Federazione ANIMA ha costituito al suo interno un Network della Sicurezza che coinvolge tutte le Associazioni che al suo interno si occupano di Safety e che vuole essere aperta a tutte le Associazioni accreditate di questo settore.
L’obiettivo del Network della Sicurezza è quello di creare un punto di riferimento in grado di affrontare le tematiche della sicurezza in modo ampio ed esaustivo, mettendo in relazione le diverse competenze dall’antincendio, alla protezione individuale, dalla sicurezza dei macchinari all’insonorizzazione e alla segnaletica.

Produzione complessiva settore Sicurezza:

2006 2007 2008 2009 07/06 08/07 09/08
Milioni di Euro Variazione %
TOTALE PRODUZIONE Sicurezza 2.112 2.235 2.395 2.305 +5.8 +7.2 -3.8
TOTALE EXPORT Sicurezza 201 245 311 309 +21.7 +27.0 -0.6
Quota EXPORT su PRODUZIONE 10% 11% 13% 13%


Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.