Ultime news

Rethinking the Future Awards è un premio internazionale che riconosce le eccellenze e le idee più innovative nell’ambito architettonico e del design. Nell’edizione 2023, il nuovo polo logistico e produttivo Vimar è uno dei progetti vincitori, selezionato tra oltre 1.000 presentati e provenienti da più di 40 Paesi, valutati da architetti e critici di tutto il mondo.

IL PROGETTO

Il nuovo polo logistico e produttivo Vimar a Marostica (VI), progettato da Atelier(s) Alfonso Femia, nasce dal presupposto di una grande sintonia con la committenza e di un’analisi territoriale approfondita.

Vimar è un’azienda storica e fortemente insediata nel territorio, produce dal 1945 materiale elettrico come interruttori e placche disponibili in vari design, sistemi per la smart home e building automation, videocitofonia, sicurezza, videosorveglianza e prodotti per la termoregolazione. Nel tempo Vimar ha esteso le sue unità produttive e logistiche nel comprensorio di Marostica, una città storica caratterizzata dalla piazza degli Scacchi e racchiusa tra le antiche mura dei suoi due Castelli, quello Superiore e quello Inferiore. Era quindi fondamentale considerare nel progetto il contesto urbano e la razionalizzazione e concentrazione di queste unità in un’unica area.

Dall’analisi delle caratteristiche del territorio e dalle necessità Vimar, Femia ha realizzato un progetto dove forme e materiali si inseriscono in modo naturale nell’ambiente e nel paesaggio circostanti e ha unito, in un unico spazio, le tre anime dell’azienda (uffici, produzione e magazzino) suddivise in due edifici contigui.

Il progetto è inoltre fortemente incentrato sulla sostenibilità: luce e grandi patii sono protagonisti e l’illuminazione è naturale, proviene dalle grandi finestre a tutta altezza o in modo zenitale; grandi soppalchi e veri e propri giardini pensili trasmettono aria e ancora tanta luce all’interno dell’edificio. Esternamente, il polo logistico e produttivo Vimar è caratterizzato dalle forme geometriche squadrate e lineari che lo rendono immediatamente riconoscibile, in particolar modo i pannelli di cemento biodinamico, disegnati da Alfonso Femia in collaborazione con Styl-Comp, che hanno saputo valorizzare il progetto integrando naturalmente la struttura nel territorio in cui si trova.

Un premio importante che racconta una collaborazione e una sinergia tra realtà che hanno saputo mettere in campo energia, competenza e rispetto per il territorio in cui vivono.

Altre News

Vedi tutte