Categorie

QUESITO TECNICO
Requisiti tecnico professionali… ereditati!

illuminazione stadioCon una qualifica professionale di “installazione e manutenzione di apparecchiature elettroniche di base” di 2 anni + 1 anno di specializzazione come “installazione e manutenzione di apparecchiature per telecomunicazione” + 10 anni di lavoro in un’azienda con lettera B, un tecnico ha il diritto di “ereditare” la lettera B? La ditta in questione è fallita anni fa, e quindi non può produrre nessuna documentazione, ma rivolgendosi alla Camera di Commercio è possibile risalire e farsi ugualmente riconoscere il possesso dei requisiti per la lettera B? Che documentazione o autocertificazione va prodotta?

anonimo

impianti elettriciI requisiti tecnico-professionali non si ereditano, ma vengono riconosciuti dalla Camera di commercio competetene al responsabile tecnico ai sensi dell’art. 3 DM 37/08.
Alla sua posizione si applicano i criteri di cui ai comma c) e d) dell’art. 4 del DM 37/08, di cui si riporta di seguito il testo.
In assenza di documenti emessi dall’impresa abilitata della quale era dipendente può formulare una domanda ai competenti uffici della Camera di commercio allegando copia conforme degli attestati di formazione professionale e copia del libretto di lavoro dal quale si evincano i periodi in impiego e le relative qualifiche professionali.

Art. 4.
Requisiti tecnico-professionali
1. I requisiti tecnico-professionali sono, in alternativa, uno dei seguenti:
a) —omissis—
b) —omissis—
c) titolo o attestato conseguito ai sensi della legislazione vigente in materia di formazione professionale, previo un periodo di inserimento, di almeno quattro anni consecutivi, alle dirette dipendenze di una impresa del settore. Il periodo di inserimento per le attività di cui all’articolo 1, comma 2, lettera d) e’ di due anni;
d) prestazione lavorativa svolta, alle dirette dipendenze di una impresa abilitata nel ramo di attività cui si riferisce la prestazione dell’operaio installatore per un periodo non inferiore a tre anni, escluso quello computato ai fini dell’apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, in qualità di operaio installatore con qualifica di specializzato nelle attività di installazione, di trasformazione, di ampliamento e di manutenzione degli impianti di cui all’articolo 1.