Categorie

QUESITO TECNICO
Riqualificazione degli impianti di illuminazione stradale

piccole modificheMolto spesso mi trovo ad eseguire delle verifiche di impianti di illuminazione pubblica stradali che vengono riqualificati.
In pratica vengono sostituiti i corpi illuminati in classe I con altri a led in classe II, vengono sostituite le morsettiere da palo esistenti in classe I con altre in classe II e vengono sostituiti i tratti del cavo di collegamento tra la suddetta morsettiera e i corpi illuminati con cavi tipo FG16OR16, mentre il quadro elettrico di distribuzione e i conduttori di collegamento principali rimangono quelli esistenti (FG7OR).
Domande:
E’ vero che se il quadro elettrico è di tipo metallico e collegato all’impianto di terra, per cui di fatto in classe I, non è possibile considerare l’intero impianto in classe II?
E’ vero che in un impianto di illuminazione in classe I che viene riqualificato in classe II è necessario scollegare la messa a terra da tutti i pali metallici?

Ghiselli Marco

Se il quadro è di metallo ed è stato classificato quale componente di Classe I dovrà essere collegato a terra e dovrà essere garantita la sua protezione dai contatti indiretti a mezzo interruzione automatica dell’alimentazione secondo i criteri canonici.
Se tutti i componenti dell’impianto sono in Classe II (apparecchi di illuminazione, cavi, giunzioni, etc.) non è necessario collegare le masse al conduttore di protezione.
Nel caso dei sostegni degli apparecchi in metallo (pali), collegati a terra in tempi remoti per varie ragioni, la scelta di eliminare il collegamento degli stessi al dispersore dipende dalla valutazione del rischio del caso specifico e da valutazioni di carattere economico.