Categorie

QUESITO TECNICO
Un impianto elettrico molto datato, ma…

impianti elettriciVengo chiamato per eseguire lavori di ampliamento impianto elettrico cucina su un appartamento appena acquistato da un mio cliente: appartamento degli anni ’50 a Bologna, appena entro inizio a controllare l’impianto esistente e mi accorgo che alcuni interruttori di accensione punti luce hanno ancora i fili rigidi di sezione 0,5 mmq, le prese di servizio sono 10 A – 16 A bivalenti ,servite da fili N07V-K sezione 1,5 mmq, a quel punto chiedo di vedere la dichiarazione di conformità rilasciata dal proprietario nell’atto di vendita, il “collega” che l’ha rilasciata, dichiara che è tutto eseguito secondo le vigenti normative. Cosa devo fare? secondo me l’impianto non è “idoneo” .

Leo Remondini

impianti elettriciSenza entrar nel merito della veridicità e della sostenibilità della dichiarazione rilasciata dal collega, se la tensione nominale di isolamento dei conduttori in filo rigido (tipo H03KU o H05KU ormai fuori produzione e commercio), è pari appunto a Uo/U 300/300 V oppure 300/500, risulta essere superiore alla tensione Uo/U del sistema monofase (Uo 230 V) e lo stato di conservazione dei conduttori e dell’isolamento è buono nessuna norma impone la sostituzione qualora i conduttori siano correttamente protetti contro il sovraccarico e il corto circuito e vi sia presente la protezione contro i contatti indiretti. Si veda al proposito anche l’art. 5 del DPR 447/91 e l’art. 6 del decreto 37/08.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.