Categorie

QUESITO TECNICO
DPR 462/01 in una clinica: quali prove?

~DChiedendo a diversi fornitori il servizio di verifica 462/01 nella nostra clinica medica, ci siamo trovati difronte a non pochi problemi per la scelta, scaturiti per la maggior parte da una diversa esposizione da parte degli stessi delle periodicità e delle prove da effettuare. Vi chiedo pertanto un vs autorevole intervento per sapere quali sono le periodicità delle verifiche in oggetto relativamente ai locali medici di gruppo 0, e quali sono le prove ulteriori che l’organismo deve eseguire nei locali di gruppo 1 e 2.

Anonimo

~RE’ prassi consolidata e condivisibile effettuare con cadenza biennali anche le verifiche dei locali medici di gruppo 0 (l’aver classificato “gruppo 0” e non “ambiente ordinario” implica la presenza di un rischio maggiore). Detto questo non è semplice fare una stima senza conoscere l’impianto. Indicativamente si può considerare quanto segue:
Le verifiche nei locali di gruppo 1 sono sostanzialmente le stesse di un ambiente non classificato, con un maggiore impegno nell’analisi documentale (occorre valutare classificazione, planimetrie, caratteristiche dei nodi ecc.) e nelle prove di continuità (nodi equipotenziali).
Le verifiche nei locali di gruppo 2 sono particolarmente impegnative: prevedono, oltre alle prove dei locali di gruppo 0 e 1, la verifica dei sistemi IT-M e la misura della resistenza dei conduttori di protezione ed equipotenziali.
Le verifiche ispettive vengono effettuate a campione. La quantità di prove dipende da tanti fattori tra cui la presenza di documentazione attestante la manutenzione, le condizioni dell’impianto, l’esito delle prove ecc.

Comments ( 1 )

  • Turcato Derio

    Per il DPR462/01 la periodicità delle verifiche, art. 4, è di 2 anni per gli ambienti ad uso medico (il vostro caso) e negli ambienti a maggior rischio in caso d’incendio.
    Per le prove da effettuare, oltre all’esame e vista e documentale degli impianti, si veda la guida CEI 0-14 e la guida CEI-ISPESL 64-14 che si riassume:
    – prova di continuità del conduttore di terra e di protezione equipotenziali
    – prove di funzionamento (interr. differenziali)
    – misura della resistenza di terra
    – eventuale misura di contatto
    – misura dell’impedenza dei conduttori di protezione e della resistenza dei collegamenti equipotenziali
    – misura della corrente di primo guasto (sistemi IT)
    Verifica dell’impianto di protezione contro le scariche atmosferiche: se esistente
    Verifica impianti elettrici nei luoghi con pericolo di esplosione (zone 0 e 1/20 e 21) se presenti

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.