Categorie

Reti intelligenti: efficienza e risparmio

Negli ultimi 5 anni il settore delle utilities (fornitura pubblica di servizi ed energia come gas, acqua, elettricità, telefonia) ha visto un notevole spostamento negli investimenti, finalizzato a trarre vantaggi concreti dalle innovazioni tecnologiche che permettono di coinvolgere il cliente aumentandone la sua consapevolezza, migliorare l’efficienza e ridurre i costi. Infatti fino a pochi anni fa l’80% degli investimenti delle utilities era indirizzato verso il software aziendale, ora quegli stessi investimenti sono impiegati nello sviluppo di reti intelligenti.
Per capire quanto siano ampi siano i margini di intervento in questo mercato e le possibilità in termini occupazionali bastano pochi semplici numeri:

le perdite energetiche a livello globale, causate dalla “non intelligenza” delle reti di distribuzione, sono calcolabili tra il 40 e il 70% della produzione;

la Us Energy Information Administration (Eia), nel suo rapporto previsionale sull’energia (Outlook 2007), stima che la domanda energetica negli Usa crescerà del 39% entro il 2030, raggiungendo i 5,8 miliardi di Megawatt-ora;

secondo l’Ontario energy board, 170 miliardi di KWh sono sprecati dai consumatori ogni anno a causa di informazioni scarse o non corrette sull’utilizzo dell’energia;

uno studio di Mc Kinsey ha evidenziato come l’82% dei dirigenti d’azienda intervistati preveda l’introduzione nei prossimi 5 anni di normative riguardanti i cambiamenti climatici;

l’Environmental and energy study institute rileva come il settore dell’efficienza energetica impieghi oggi negli Stati Uniti 8 milioni di unità e 450mila nelle energie rinnovabili;

secondo l’Eesi, la produzione del 20% del fabbisogno energetico Usa da energie rinnovabili creerà 185mila nuovi posti di lavoro entro il 2020, riducendo di 10,5 miliardi di dollari la bolletta energetica;

il Dipartimento per l’Energia Usa prevede che quella eolica coprirà il 20% del fabbisogno energetico americano entro il 2030.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.