Categorie

QUESITO TECNICO
Spostamento del contatore

impianti elettriciSono alle prese con un’impresa che ha realizzato una pista e sta attivando la procedura per lo spostamento del contattore bidirezionale senza limitatore trifase e monofase,si prelevano mediamente 20 kW e s’immette in rete la corrente prodotta dai pannelli fotovoltaici 12 kW di potenza,poiche lo spostamento del contattore mi arreca parecchi problemi all’azienda, hanno interrato tubo in PVC rosso del diametro 50 mm per passare il cavo alla profondita’di cm 25-30 coperto poi da cemento, l’alloggio del contattore nuovo e realizzato ad un’altezza inferiore a cm 100,volevo chiedere se questo tipo di tubo che hanno predisposto in pvc rosso e’ a norma e se il diametro e quello giusto ed a quale profondita’ andava posizionato il cavidotto e se risulta regolare riagganciare e raccordare il cavo che proviene dalla cabina Enel al vecchio conttatore,oppure deve essere un unico cavo nuovo che collega la cabina o postazione Enel al nuovo contattore e se il colore del cavidotto e’ a norma, e se sono state attivate le dovute segnalazioni a seguito del suo interramento e per un prelievo di 30 kW quale sezione deve avere il cavidotto quadripolare in mmq. 

Cesare Deiana

E’ necessario rivolgersi al fornitore e chiedere lo spostamento dei contatori e l’eventuale unificazione delle forniture. Lo spostamento è a preventivo, l’unificazione segue le regole del TIC (testo integrato delle connessioni). Trattandosi di un impianto fotovoltaico può fare la richiesta direttamente al Distributore così da velocizzare l’iter (non i costi, quelli non cambiano), e soprattutto non avere discontinuità con il GSE per l’energia immessa. Si consiglia di interpellare il Distributore prima di fare la richiesta.