Categorie

QUESITO TECNICO
Cucina industriale: valutazione del rischio Atex?

impianti elettriciIn un ristorante in fase di ristrutturazione è presente una cucina da 260 kWt in tecnico che si è occupato della scia per i vigili del fuoco ha classificato l’ambiente di tipo A ovvero a rischio incendio ma non soggetto a verifica da parte dei vigili del fuoco, il tecnico ha previsto solo la compartimentazione con pareti e porte REI 120.
In questo caso la tipologia di impianto elettrico e cavi e apparecchiature necessarie nella cucina deve essere del tipo ATEX per ambienti esplosivi ?

Giacomo Michienz

impiantiL’attività da Lei indicata è ricompresa nel n° 74.A del DPR 151/11 e deve rispettare le prescrizioni di cui alla al decreto 12 aprile 1996 “Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l’esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi”, così come aggiornate dalla nuova “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la realizzazione e l’esercizio degli impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi” Decreto del Ministero dell’Interno 8 novembre 2019, pubblicato sulla GU n. 273 del 21 novembre 2019.
Oltre agli obblighi di progetto degli impianti elettrici quale luogo a maggior rischio in caso d’incendio deve essere esperita la valutazione del rischio esplosione ai sensi della Direttiva 90/396/03 CEE e delle norme CEI EN 60079 e della (abrogata) Guida CEI 31-35.
Se gli apparecchi installati presentano la marcatura CE e sono rispettate le regole di areazione dei locali l’impianto elettrico può essere, dopo le relative classificazioni, di tipo ordinario con le cautele nella scelta dei gradi di protezione proprie di una ambiente particolare quale una cucina.

Comments ( 1 )

  • Mirko Gaetano Bognanni

    Innanzitutto la Direttiva 90/396/CEE e non 90/396/03 CEE e stata abrogata e sostituita dalla direttiva 2009/142/CE, la quale a sua volta e stata abrogata dal Regolamento UE 2016/426 e riguarda gli apparecchi che bruciano carburanti gassosi, recepito con D.Lgs 23/2019 (anche se un regolamento UE, al contrario della direttiva, non necessita di recepimento ed è immediatamente applicabile). Se tali apparecchi sono conformi al DPR 661/96, modificato dal DPR 121/2019, e i locali sono come da caratteristiche del DM 12/04/1996, aggiornato dal DM 08/11/2019, l’ambiente risulta ordinario e non occorre classificazione ATEX.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.