Categorie

CONSUMI
Aumenti in bolletta: da ottobre elettricità +3,4%

Dopo i ribassi nei primi 9 mesi dell’anno, in aumento le bollette nell’ultimo trimestre, pur confermando risparmi totali nel 2015 per oltre 60 euro. Dal 1° ottobre per la famiglia-tipo la bolletta dell’elettricità registra un + 3,4%, mentre la bolletta gas un +2,4%. E’
quanto prevede l’aggiornamento delle condizioni economiche di riferimento per le famiglie e i piccoli consumatori in tutela per il quarto trimestre 2015.
Per l’elettricità la spesa per la famiglia-tipo nell’anno scorrevole (1° gennaio 2015- 31 dicembre 2015) sarà di circa 505 euro, comunque con un calo del -2,2% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell’anno precedente (1° gennaio 2014 – 31 dicembre 2014), corrispondente ad un risparmio di oltre 11 euro. Per il gas la spesa della famiglia tipo per lo stesso periodo sarà di circa 1.123 euro, con una riduzione del -4,2%, corrispondente a un risparmio di circa 50 euro rispetto all’anno scorrevole. Il risparmio complessivo nel 2015 per elettricità e gas sarà di oltre 60 euro per famiglia tipo.
Nel IV trimestre del 2015 il rialzo per l’energia elettrica è sostanzialmente dovuto a due principali elementi. Il primo è l’aumento dei costi complessivi per l’approvvigionamento della “materia energia” che risente dei picchi di prezzo registrati sul mercato all’ingrosso nello scorso mese di luglio (+39% rispetto a giugno) a fronte di consumi di elettricità eccezionalmente elevati per il
caldo record. Il secondo è l’esigenza di adeguare ancora al rialzo gli oneri di sistema, in particolare per sostenere i costi straordinari connessi alla fine del meccanismo di ritiro dei certificati verdi nel 2016 (in assenza di una specifica misura legislativa che mitighi l’impatto del meccanismo, come già segnalato dall’Autorità anche nella relazione sulle fonti rinnovabili, n. 308 del 2015) e i costi per gli incentivi all’efficienza energetica.
Per il gas si segnala un leggero calo della componente materia prima che riflette le aspettative al ribasso delle quotazioni a termine nei mercati all’ingrosso in Italia e in Europa, rendendo meno evidente quella che sarebbe la normale dinamica dei mercati al rialzo legata all’andamento stagionale dei consumi.
Cali che grazie alla Riforma gas dell’Autorità, capace di intercettare subito i segnali di prezzo all’ingrosso nei mercati, vengono immediatamente trasferiti ai consumatori finali, con effetti particolarmente significativi alla vigilia dei più alti consumi autunnali. La riduzione della materia prima è più che compensata principalmente dalla crescita dei costi di trasporto e della componente per la gradualità nell’applicazione della riforma gas.

Energia elettrica
Nel dettaglio, l’aumento per l’energia elettrica riflette il rialzo dei costi di approvvigionamento complessivo della “materia energia” (che contribuisce a un +1,8% sulla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo), in gran parte dovuto allo scostamento tra l’andamento effettivo del prezzo sul mercato all’ingrosso dell’energia elettrica nel terzo trimestre rispetto alle stime effettuate a giugno. Per l’elettricità, infatti, i prezzi di riferimento vengono aggiornati anche sulla base dei costi effettivi sostenuti dall’Acquirente Unico per approvvigionarsi sul mercato all’ingrosso nell’anno in corso, ovvero, fino al momento dell’aggiornamento trimestrale, e delle stime dei costi previsti per i mesi successivi. In particolare, nel mese di luglio, il picco eccezionale dei consumi, sostenuto da temperature particolarmente elevate rispetto ai valori medi stagionali, nonché lo scarso apporto della produzione idroelettrica ed eolica per siccità e limitata ventosità che ha reso necessario riattivare numerosi impianti termoelettrici con maggiori costi sul mercato, hanno spinto al rialzo i prezzi all’ingrosso del +39% rispetto al mese di giugno e del +46% rispetto al mese di luglio del 2014. All’aumento per la ‘materia energia’ si somma quello per il fabbisogno degli oneri di sistema (contribuendo in totale per un +1,6% alla variazione complessiva della spesa per il cliente tipo, arrivando al +3,4% finale). In particolare la componente A3 (incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate) pesa per un +0,8%, determinato da un aumento relativo ai costi connessi al termine del sistema dei certificati verdi, come previsto per legge nel 2015. Per il 2016 si avrebbe infatti una sovrapposizione tra la fine del meccanismo di ritiro dei certificati verdi e l’avvio del nuovo meccanismo amministrato che lo sostituirà. Criticità già evidenziata dall’Autorità in occasione anche dei due precedenti aggiornamenti trimestrali, nonché nelle due ultime relazioni sullo stato dei servizi e per il quale AEEGSI ha già evidenziato la necessità (in occasione del comunicato di aggiornamento delle condizioni di riferimento della tutela per il II trimestre 2015) che si intervenga con misure di ‘spalmatura’ negli anni dei pagamenti.
L’aumento della componente UC7, a copertura degli oneri per misure ed interventi di promozione dell’efficienza energetica negli usi finali, pesa per un altro +0,8% circa.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>