Categorie

QUESITO TECNICO
Prova degli interruttori differenziali: come e quando?

~DOgni quanto è obbligatorio provare gli interruttori differenziali in un impianto e qual è il riferimento normativo? E’ vero che devo verificare strumentalmente che l’interruttore non intervenga a metà della corrente di prova?

Sergio Marti tramite form

~RLa periodicità della prova tramite tasto “test” viene indicata dal costruttore del dispositivo. In assenza di indicazioni in tal senso si può fare riferimento all’allegato D (informativo) della Guida CEI 23-29: 6 mesi.

La prova strumentale alla corrente Idn rientra nell’ambito dei controlli di manutenzione dell’impianto elettrico. La frequenza dei controlli non è sempre suggerita dalle Norme (lo è solo in casi particolari, come nei locali ad uso medico: 1 anno). La frequenza della verifica periodica dipende dalla valutazione del rischio e deve essere determinata considerando il tipo di impianto e componenti, il suo uso e funzionamento, la frequenza e la qualità della manutenzione e le influenze esterne a cui l’impianto è soggetto. Può fare riferimento alla Norma CEI 64-8 art. 62.2.1 “frequenza della verifica periodica”.

La “prova di non intervento” a 0,5 Idn è una prova secondo il tipo, non riguarda la verifica dell’impianto ma la verifica del componente. Non è necessaria nel contesto dei controlli di manutenzione dell’impianto.

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.