Categorie

Fotovoltaico: 2011 ancora bene

Nuovi dati confortanti sullo sviluppo del fotovoltaico a livello globale. Arrivano dall’Epia (Associazione europea dell’industria fotovoltaica) e sono contenuti nell’ultima edizione del Market Report. Nel 2011 l’energia elettrica ricavata dal sole si è collocata al terzo posto tra le fonti rinnovabili per potenza installata, dopo l’idroelettrico e l’eolico.
Complessivamente, l’anno scorso sono stati installati nel mondo nuovi impianti fotovoltaici per 27,7 Gigawatt di potenza, il 70% in più rispetto al 2010.
Il Report rileva inoltre che, nonostante la crescita dei nuovi mercati, l’Europa continua a guidare lo sviluppo del settore, con il 75% delle installazioni fotovoltaiche effettuate nel 2011. Quanto all’Italia, con 7,5 nuovi Gw installati il nostro Paese conquista la palma di “regina del fotovoltaico mondiale”, scalzando la Germania dalla testa della classifica annuale. I nuovi impianti italiani e tedeschi hanno: insieme i due paesi hanno rappresentato il 60% della nuova capacità fotovoltaica aggiunta nel mondo durante l’anno appena concluso.
Crescono le installazioni anche in Gran Bretagna, nonostante le condizioni meteo-climatiche non troppo favorevoli. Grazie al feed in tariff per i piccoli impianti, nel 2011 sono stati allacciati nel Regno Unito nuovi impianti fotovoltaici per circa 700 Mw. Seguono il Belgio (550 Mw), la Spagna (400 Mw), la Slovacchia (350 Mw) e la Grecia (350 Mw), mentre il dato pur notevole relativo alla Francia (1,5 Gw) è in realtà ingannevole, perché si riferisce a impianti commissionati nel 2010, prima che venissero tagliati gli incentivi. Al di fuori dei confini europei, il fotovoltaico avanza soprattutto negli Stati Uniti, con circa 1,6 Gw di nuova potenza installata, e in Giappone, con oltre 1 Gigawatt. Complessivamente, la capacità fotovoltaica mondiale ha raggiunto, alla fine del 2011, quota 67,4 Gw, pari a un totale di circa 80 miliardi di kWh prodotti (una quantità di energia tale da coprire il fabbisogno di circa 20 milioni di famiglie).

Nuovi dati confortanti sullo sviluppo del fotovoltaico a livello globale. Arrivano dall’Epia (Associazione europea dell’industria fotovoltaica) e sono contenuti nell’ultima edizione del Market Report. Nel 2011 l’energia elettrica ricavata dal sole si è collocata al terzo posto tra le fonti rinnovabili per potenza installata, dopo l’idroelettrico e l’eolico.Complessivamente, l’anno scorso sono stati installati nel mondo nuovi impianti fotovoltaici per 27,7 Gigawatt di potenza, il 70% in più rispetto al 2010.Il Report rileva inoltre che, nonostante la crescita dei nuovi mercati, l’Europa continua a guidare lo sviluppo del settore, con il 75% delle installazioni fotovoltaiche effettuate nel 2011. Quanto all’Italia, con 7,5 nuovi Gw installati il nostro Paese conquista la palma di “regina del fotovoltaico mondiale”, scalzando la Germania dalla testa della classifica annuale. I nuovi impianti italiani e tedeschi hanno: insieme i due paesi hanno rappresentato il 60% della nuova capacità fotovoltaica aggiunta nel mondo durante l’anno appena concluso.Crescono le installazioni anche in Gran Bretagna, nonostante le condizioni meteo-climatiche non troppo favorevoli. Grazie al feed in tariff per i piccoli impianti, nel 2011 sono stati allacciati nel Regno Unito nuovi impianti fotovoltaici per circa 700 Mw. Seguono il Belgio (550 Mw), la Spagna (400 Mw), la Slovacchia (350 Mw) e la Grecia (350 Mw), mentre il dato pur notevole relativo alla Francia (1,5 Gw) è in realtà ingannevole, perché si riferisce a impianti commissionati nel 2010, prima che venissero tagliati gli incentivi. Al di fuori dei confini europei, il fotovoltaico avanza soprattutto negli Stati Uniti, con circa 1,6 Gw di nuova potenza installata, e in Giappone, con oltre 1 Gigawatt. Complessivamente, la capacità fotovoltaica mondiale ha raggiunto, alla fine del 2011, quota 67,4 Gw, pari a un totale di circa 80 miliardi di kWh prodotti (una quantità di energia tale da coprire il fabbisogno di circa 20 milioni di famiglie).

Comments ( 1 )

Leave a Comment

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.